dieta allattamento

Allattamento: consigli, cosa mangiare e bere

La gravidanza è arrivata a termine e adesso vi trovate ad affrontare l’allattamento, un altro passaggio importante nella vita di una donna e di una neo mamma. Già durante la gravidanza avete detto addio a diversi alimenti, come a insaccati e pesce crudo, ci sono cibi e abitudini di vita che devono essere mantenuti durante l’allattamento per il bene del bambino. Durante l’allattamento c’è una tolleranza maggiore in tal senso, dovete comunque attenervi ad alcune regole per non rischiare di rovinare questo momento magico per mamma e bambino.

Alimenti sì

Inizialmente non ci sarà il latte ma una sostanza che si chiama colostro, che uscirà in modiche quantità e avrete l’impressione di non nutrire bene il vostro bambino, non preoccupatevi, durante i primi giorni è anche normale che sia così, solo nei giorni successivi il neonato aumenterà la frequenza e la durata della poppata.

Con il trascorrere delle settimane il bambino avrà preso i suoi ritmi con le poppate mangiando come consueto ogni tre ore, per poi allungare successivamente le pause intermedie tra una poppata e l’altra. Mangiate frutta e verdura ponendo attenzione a quelle che possono portare gonfiore addominale, consumatele in modica quantità e sporadicamente; tuttavia è importante variare l’alimentazione e inserendo nella dieta alimentare frutta e verdura di ogni genere per apportare un ciclo completo di vitamine e sali minerali.

Attenzione ai no

  • Caffè
  • Alcolici
  • Fumo

Il caffè dovrebbe essere eliminato oppure ridotto a un massimo di due tazzine al giorno, per non  rischiare di rendere il neonato irrequieto oppure disturbare il suo stato di sonno. Gli alcolici vanno assolutamente eliminati, si trasporta nel latte in pochissimo tempo e può essere dannoso per il neonato, anche rallentare la crescita nel bambino. Lo stesso vale anche per il fumo, se sei una donna fumatrice, già avrai smesso di fumare fin dalla gravidanza.

Fumare è nocivo ed è rischioso per la vita e la crescita del bambino sia in pancia, e anche dopo la nascita quando sarà allattato al seno. In alcuni casi suggeriscono di fumare in un momento distante dai pasti del bambino, per quelle donne che  non riescono a farne a meno, ma la priorità indicata in questi casi è l’assoluta mancanza di nicotina. I danni del fumo raddoppiano in gravidanza e si quadruplicano quando si parla di allattamento, per cui approfitta di questo momento per smettete di fumare.

Acqua e liquidi

Durante l’allattamento ricordate di bere due litri di acqua durante la giornata, basta ricordare però di non eccedere troppo, inserite come altra fonte liquida prodotti caseari come il latte o anche succhi di frutta, energetici e ricchi di vitamine e sali minerali.

dieta allattamento

L’organismo durante l’allattamento ha bisogno di maggiori fonti energetiche, per cui vanno bene i carboidrati e le proteine; inoltre potete anche permettervi porzioni più caloriche per far fronte al dispendio di energie perse con l’allattamento. Si stima che durante l’allattamento potete assumere circa 500 calorie in più rispetto alla norma; ecco come organizzare i pasti della giornata.

  • Colazione
  • Spuntino di metà mattina
  • Pranzo
  • Merenda
  • Cena
  • Spuntino serale

Potete concedervi lo spuntino serale, scegliete una frutta o un succo o una tazza di latte; concesso perchè ci sono le poppate notturne, per cui dovete essere mamme energiche e fornire al fisico la giusta dose di energia vitale per stare in forma e far crescere bene anche il neonato fornendo la giusta quantità di latte.

Le poppate notturne presto finiranno, di solito durano per i primi tre mesi, a volte terminano anche prima, ma dipende sempre dalla soggettività dei bambini. Dal sesto mese in poi, talvolta anche prima, comincerete a far assaggiare altri cibi al bambino, entreranno i primi solidi e comincerà la fase dello svezzamento, che comunque non esclude l’allattamento al seno.

Condividi questo articolo