dentizione e pappa

Dentizione e pappa: consigli per viverla serenamente

La dentizione è quel processo in cui i piccoli dal quarto mese in poi iniziano a sviluppare i primi dentini. Si tratta di una tipologia di dentizione definita “decidua”, ovvero riferita alla comparsa dei denti da latte che verranno sostituiti dalla dentatura adulta. La dentizione non ha un periodo standard di comparsa e varia molto a seconda di fattori biologici ed ereditari. Il processo vero e proprio si colloca a partire dal quarto mese ma non bisogna spaventarsi, salvo casi particolari, se questa tarda a cominciare.

Ogni bimbo ha i suoi tempi

La durata così come la sintomatologia sono fattori molto variabili. Il loro modo di viverla può essere innocuo e non problematico come può diventare doloroso ed intenso. Il bambino, appunto, svilupperà la dentatura a modo suo. Come possiamo stargli accanto efficacemente? La dentizione decidua riguarda la comparsa di venti denti da latte. Si dovrebbe concludere entro i tre anni in un arco di tempo in cui vedrete comparire dapprima gli incisivi. Non a caso essi fanno capolino quando il bambino sarà pronto allo svezzamento e, quindi, a masticare i primi cibi solidi.

Falsi miti e reali cause: occhio alle leggende che si tramandano

Sebbene persistano ancora leggendarie convinzioni che ricollegano questa fase a numerosi disturbi come febbre, coliche, diarrea, inappetenza, insonnia e irritabilità non vi è un preciso riscontro scientifico a supporto di tali collegamenti.

Ciò che dovrebbe destare attenzione, durante la dentizione, è la probabilità di contrazione di infezioni. Il piccolo, infatti, sarà sottoposto a importanti cali fisiologici che lo esporranno maggiormente a rischi di infezioni, come le afte. Al tempo stesso il piccolo potrà provare fastidi gengivali dovuti alla novità dei denti all’interno della sua cavità orale. Partite sempre dal presupposto che per il piccolo queste sono tutte assolute novità con cui deve imparare a convivere.

Come alleviare i fastidi dovuti alla dentizione?

In commercio si trovano molti giocattolini morbidi ad effetto refrigerante che hanno la particolarità di attenuare il dolore alle gengive tramite l’effetto “fresco”. Questi giocattoli devono essere riposti in frigo e non solo allevieranno le sofferenze ma lo distrarranno dai suoi disagi. Sarà di estremo conforto massaggiare delicatamente le sue gengive doloranti oltre ad una buona dose di coccole rincuoranti.

Dentizione e pappa: quando chiamare il medico?

Quando il piccolo soffrirà di altri disturbi come diarrea o febbre. Il medico potrà stabilire se i disturbi sono legati ad altre cause oppure sono la conseguenza diretta della dentizione. In molti casi la dentizione coincide con gli scatti di crescita e questo può portarci fuori strada. La diarrea infatti non ha alcuna correlazione diretta con la dentizione ma persiste nell’immaginario collettivo come la principale patologia correlata. Non esiste nulla di più errato. Semmai, qualora ci dovesse essere un reale collegamento, questo potrebbe dipendere dall’iper-salivazione dovuta alla dentizione. Se ingerita in abbondanza questa potrebbe ammorbidire le feci e provocare l’insorgenza della diarrea.

Come comportarsi se il piccolo non mangia?

Posto che l’alimentazione non dovrebbe essere direttamente collegata ai problemi derivanti dalla dentizione, se il piccolo rifiuta il cibo dobbiamo indagare un po’ prima di prendere qualsiasi decisione. Se questa coincide con lo svezzamento è più probabile che il cibo solido sia una novità difficile da sperimentare per lui. Questo dipende dalla posizione che dovrà assumere per nutrirsi e dall’abbandono della poppata materna. I sapori per lui sono nuovi e insoliti e il tutto coincide con la sua crescita e con la comparsa dei dentini: non proprio un momento facile! Se l’inappetenza persiste bisognerà indagare con l’aiuto del medico e affidarsi al suo parere. In ogni caso la miglior cura ai disagi della dentizione sono sempre distrazioni e coccole per aiutarlo a superare il momento con la consapevolezza di essere compreso e supportato.

Condividi questo articolo